Nella selva dell’intraducibilità. Prospettive ermeneutiche e immaginari della traduzione | Seminario, Università di Ferrara (13-05-2022)

 

NELLA SELVA DELL’INTRADUCIBILITÀ
Prospettive ermeneutiche e immaginari della traduzione

Riccardo Raimondo, PhD
(MSCA Global Fellow, University of Oslo)

Università di Ferrara, 13 maggio 2022 | ore 13.00 | aula M | via Paradiso 12

Seminario organizzato nell’ambito del corso di
Lingua francese – traduzione (LM-37)
Daniele Speziari e Vera Gajiu (org.)

Iniziativa promossa da:
Dipartimento di Studi Umanistici
Via Paradiso, 12 – 44121 Ferrara (ITALY)

 

TEMARIO

«La pluralità della lingue non può ridursi a una pluralità delle designazioni di qualcosa». Questo pensiero di Barbara Cassin – conciso, asciutto e (solo apparentemente) semplice – può svelarci un ventaglio d’implicazioni intorno a uno dei più appassionanti argomenti della traduttologia contemporanea: l’intraducibilità.

Esiste davvero un fenomeno chiamato intraducibilità? Abbiamo la certezza che ogni testo può essere tradotto? Che ogni oggetto/nozione può avere un corrispettivo in ogni lingua straniera? Come può aiutarci la teoria degli immaginari della traduzione a spiegare i fenomeni d’intraducibilità fra le lingue e le diverse traduzioni di una stessa fonte? Sono solo alcune delle questioni che verranno trattate in questo seminario, durante il quale si metterà l’accento soprattutto sul potenziale euristico della nozione d’intraducibilità e sulla preziosa possibilità che ci offre: ripensare la storia delle traduzioni e della traduzione da una prospettiva ermeneutica.

La discussione procederà a partire da una breve disanima di una recente pubblicazione, la prima storia delle traduzioni di un’opera in una lingua straniera: Le Phenix Poëte et les Alouëtes. Traduire les Rerum vulgarium fragmenta de Pétrarque en langue française (XVIe-XXIe siècle): histoires, traditions et imaginaires, Peter Lang (Bruxelles, Berlin, Bern, New York, Oxford, Warszawa, Wien), 2022.

 

BIO

Dr. Riccardo Raimondo è Marie Skłodowska-Curie Global Fellow (UdeM, Montreal / UiO, Oslo). Dopo una Triennale in Lettere Moderne (Università di Catania, 2013) e una Magistrale in Letterature Comparate (Sorbonne Université, 2015), ha ottenuto un Dottorato in Letteratura francese e italiana (USPC – Université Sorbonne Paris Cité, 2018) con una tesi sulle traduzioni francesi dei Fragmenta di Petrarca (XVI-XXI). È stato Visiting Researcher presso le università di Ottawa (2016) e Oxford (2017), e Postdoc all’UZH di Zurigo (2018-2019). Si occupa principalmente di storia delle traduzioni e della traduzione attraverso un approccio fondato sulla semantica interpretativa e sulle teorie dell’immaginario. È l’ideatore della prima “teoria degli immaginari della traduzione”.


Per il link all’evento rivolgersi a:   daniele.speziari@unife.it   e/o   vera.gajiu@unife.it


You may also like...

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search