Nella selva dell’intraducibilità. Prospettive ermeneutiche e immaginari della traduzione | Seminario, Università di Ferrara (13-05-2022)

 

NELLA SELVA DELL’INTRADUCIBILITÀ
Prospettive ermeneutiche e immaginari della traduzione

Riccardo Raimondo, PhD
(MSCA Global Fellow, University of Oslo)

Università di Ferrara, 13 maggio 2022 | ore 13.00 | aula M | via Paradiso 12

Seminario organizzato nell’ambito del corso di
Lingua francese – traduzione (LM-37)
Daniele Speziari e Vera Gajiu (org.)

Iniziativa promossa da:
Dipartimento di Studi Umanistici
Via Paradiso, 12 – 44121 Ferrara (ITALY)

 

TEMARIO

«La pluralità della lingue non può ridursi a una pluralità delle designazioni di qualcosa». Questo pensiero di Barbara Cassin – conciso, asciutto e (solo apparentemente) semplice – può svelarci un ventaglio d’implicazioni intorno a uno dei più appassionanti argomenti della traduttologia contemporanea: l’intraducibilità.

Esiste davvero un fenomeno chiamato intraducibilità? Abbiamo la certezza che ogni testo può essere tradotto? Che ogni oggetto/nozione può avere un corrispettivo in ogni lingua straniera? Come può aiutarci la teoria degli immaginari della traduzione a spiegare i fenomeni d’intraducibilità fra le lingue e le diverse traduzioni di una stessa fonte? Sono solo alcune delle questioni che verranno trattate in questo seminario, durante il quale si metterà l’accento soprattutto sul potenziale euristico della nozione d’intraducibilità e sulla preziosa possibilità che ci offre: ripensare la storia delle traduzioni e della traduzione da una prospettiva ermeneutica.

La discussione procederà a partire da una breve disanima di una recente pubblicazione, la prima storia delle traduzioni di un’opera in una lingua straniera: Le Phenix Poëte et les Alouëtes. Traduire les Rerum vulgarium fragmenta de Pétrarque en langue française (XVIe-XXIe siècle): histoires, traditions et imaginaires, Peter Lang (Bruxelles, Berlin, Bern, New York, Oxford, Warszawa, Wien), 2022.

 

BIO

Dr. Riccardo Raimondo è Marie Skłodowska-Curie Global Fellow (UdeM, Montreal / UiO, Oslo). Dopo una Triennale in Lettere Moderne (Università di Catania, 2013) e una Magistrale in Letterature Comparate (Sorbonne Université, 2015), ha ottenuto un Dottorato in Letteratura francese e italiana (USPC – Université Sorbonne Paris Cité, 2018) con una tesi sulle traduzioni francesi dei Fragmenta di Petrarca (XVI-XXI). È stato Visiting Researcher presso le università di Ottawa (2016) e Oxford (2017), e Postdoc all’UZH di Zurigo (2018-2019). Si occupa principalmente di storia delle traduzioni e della traduzione attraverso un approccio fondato sulla semantica interpretativa e sulle teorie dell’immaginario. È l’ideatore della prima “teoria degli immaginari della traduzione”.


Per il link all’evento rivolgersi a:   daniele.speziari@unife.it   e/o   vera.gajiu@unife.it



Cite this blog post
Riccardo Raimondo (2022, April 29). Nella selva dell’intraducibilità. Prospettive ermeneutiche e immaginari della traduzione | Seminario, Università di Ferrara (13-05-2022). IMAGO-TRAD | TTT. Retrieved June 16, 2024, from https://doi.org/10.58079/q3rv

You may also like...

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search