[CFP] ENSEIGNER LA LANGUE À TRAVERS LA TRADUCTION | Perspectives franco-italiennes et multilinguisme

L’enseignement des langues à travers la traduction demeure un domaine riche en potentialités didactiques et culturelles. L’articulation du colloque permet une exploration comparative et diachronique, facilitant une compréhension approfondie de l’évolution des pratiques d’enseignement des langues à travers la traduction. Cette structure bi-focale, avec son approche transhistorique et comparative, encourage les participants (chercheurs mais aussi enseignants et futurs enseignants du secondaire) à établir des connexions entre les époques, tout en offrant un cadre analytique pour évaluer l’impact historique et contemporain des technologies et des théories de la traduction sur l’enseignement linguistique.

0

Anna Khalonina – Les normes discursives entre hégémonies, tensions et évolutions

Les travaux de Anna Khalonina se situent dans le domaine de l’analyse du discours. Ils interrogent les processus de construction, de négociation et de transgression des normes du dicible. Elle s’intéresse aussi bien aux « conflits sur les mots » en tout genre (en politique, dans les médias) en tant que terrains privilégiés de ces négociations, qu’aux mécanismes de limitation explicite du discours, en particulier à la censure.

0

Introduzione al concetto di idiocanone | 10 Aprile 2024, Università Ca’ Foscari di Venezia

L’idiocanone, concettualizzato per la prima volta da Alessandro Scarsella, rappresenta una dimensione analitica intrinseca agli studi umanistici. Si può definire l’idiocanone come un canone di ‘imagini’ (imagine ≠ immagine) e come una «dimensione dove si affermano, davanti agli imperativi della norma, le varianti relative all’uso» (Scarsella). Questo costrutto si articola attraverso una complessità di sottosistemi valoriali, i quali sono specificamente delineati in relazione a determinate manifestazioni linguistiche e culturali, circoscritte da considerazioni di genere e contestualizzazione storica.

0

Traduire un roman de l’extrême contemporain: tesi magistrale e opportunità editoriali

Seynabou Sonko – scrittrice, cantante e compositrice franco-senegalese, classe 1993 – è una delle voci letterarie più interessanti nel panorama francofono contemporaneo. Ha studiato scrittura creativa presso le università di Montreal, di Bruxelles e di Paris Vincennes-Saint-Denis. Il suo primo romanzo, Djinns (Paris, Grasset, 2023), è stato acclamato con entusiasmo dalla critica come un’opera «tragicomica sulle gioie e i dolori del multiculturalismo» (Gl. Marivat, Le Monde des Livres 28/07/2023). Piero Della Vedova traduce per la prima volta in italiano l’opera prima di Sonko, non solo con la verve di un traduttore appassionato, ma soprattutto con lo sguardo attento del cercatore di parole, conducendo un’analisi minuziosa del lessico e di quel che lui definisce ‘lingua generazionale’. Si tratta del primo contributo in lingua italiana dedicato a Sonko, nell’attesa che la prima traduzione completa sia pubblicata.

0

La traduzione poetica: indagini stilistiche e metriche |  International Conference, 3 March 2023 (Milan)

Questa Giornata prende le mosse da una tradizione di studi linguistico-testuali, in cui l’analisi dellatraduzione letteraria è vista come un’occasione di riflessione sugli elementi linguistici e stilistici checostituiscono il testo poetico, e che il traduttore s’adopera a restituire, esplorando e talvolta sfidandole possibilità della propria lingua madre.

Buzzati: la lingua, le lingue, le traduzioni | International Conference, 5-6 Sept. 2022 (Venice)

L’occasione si riallaccia al precedente, di oltre 30 anni fa: “Dino Buzzati: la lingua, le lingue”, Atti del Convegno internazionale, Feltre e Belluno, 26-29 settembre 1991, a cura di Nella Giannetto, con la collaborazione di Patrizia Dalla Rosa e Isabella Pilo, Milano, Mondadori, 1994. Lo scopo è quello di monitorare, nel Cinquantenario della morte di Dino Buzzati (1906-1972), lo status della ricezione nel mondo dello scrittore veneto.

0

Nella selva dell’intraducibilità. Prospettive ermeneutiche e immaginari della traduzione | Seminario, Università di Ferrara (13-05-2022)

Esiste davvero un fenomeno chiamato intraducibilità? Abbiamo la certezza che ogni testo può essere tradotto? Che ogni oggetto/nozione può avere un corrispettivo in ogni lingua straniera? Come può aiutarci la teoria degli immaginari della traduzione a spiegare i fenomeni d’intraducibilità fra le lingue e le diverse traduzioni di una stessa fonte?

1

Le Phenix Poëte et les Alouëtes. Traduire les Rerum vulgarium fragmenta de Pétrarque en langue française (XVIe-XXIe s.)

La poésie de Pétrarque et le pétrarquisme qui en est dérivé constituent une matière inestimable et un champ fertile pour comprendre les sources des identités et des cultures européennes. Il est donc crucial d’examiner les études pétrarquiennes au regard de nouvelles notions critiques telles que la transculturalité ou la transnationalité.

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search